Vimi Fasteners presenta la nuova linea “a flusso” che renderà più competitive le viti registro

L’azienda emiliana Vimi Fasteners ha inaugurato una nuova linea produttiva “a flusso”, pensata per ottimizzare la produzione di viti registro, prodotto con un peso rilevante per il fatturato dell’azienda.

La produzione di queste viti richiede una gestione complessa, data la varietà dei prodotti e le diverse tecnologie impiegate. La nuova linea permetterà una riduzione dei tempi di attraversamento, il che si traduce in consegne più rapide e riduzione dello stock. “Questa nuova linea produttiva – ha spiegato l’AD di Vimi Fasteners Marco Sargenti – consentirà di ottenere incrementi di produttività a parità di risorse impiegate, rendendo questa tipologia di prodotti più competitiva sul mercato. Il progetto è stato implementato da un gruppo di lavoro composto da persone operanti, direttamente o indirettamente, sulla linea produttiva. È stato rinnovato anche l’ambiente operativo, reso più funzionale e migliorato esteticamente. Uno stimolo ulteriore a mettere cura e passione in quello che facciamo”.

La nuova linea è stata realizzata seguendo le logiche della produzione “Lean”, così da ottimizzare l’utilizzo delle risorse e il lavoro degli operatori. Secondo quanto riportato dalla Lean Manager Jennifer Rapallo, queste logiche e questi strumenti informatici specifici saranno poi estesi al resto della produzione. Centrale per il funzionamento della linea è il ruolo degli operatori. A sottolinearlo è il direttore di produzione, Carlo Somaini. “Da esperti in singole fasi, diventeranno operatori polivalenti, con conoscenze di tutte le varie fasi di lavoro. Acquisiranno, attraverso una formazione specifica, le skill per seguire tutto il flusso, così da presidiare quantità, qualità, tempi di consegna e ogni altro aspetto del processo”, precisa.

Alla messa a punto della nuova linea di Vimi Fasteners, entrata in funzione nei primi di gennaio, hanno partecipato varie funzioni aziendali, che hanno operato in “un clima di grande collaborazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 + 6 =